Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | chiudi

Obbligo di assicurazione per gli Avvocati: le novità in vigore dal 11 Ottobre 2017 e le soluzioni di Esedra

domenica, 24 settembre 2017
A partire dall’11 Ottobre 2017 tutti gli avvocati professionisti saranno tenuti a stipulare una polizza assicurativa per la copertura delle responsabilità civile professionale nei confronti dei propri clienti.

 
La normativa di riferimento che disciplina il tema dell’assicurazione per avvocati è regolata dal Decreto del Ministero di Giustizia del 22 Settembre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 238 dell’11 Ottobre 2016. Tale normativa rientra nel più ampio quadro di riforma identificato come la "Riforma delle Professioni", che impone l’obbligatorietà della copertura assicurativa per i rischi professionali di tutti i professionisti iscritti ad un ordine professionale.
 
La Riforma delle Professioni era già stata introdotta nel corso del 2012 e, negli anni seguenti, sono stati emanati i decreti attuativi specifici inerenti ciascun ambito professionale. Per quanto concerne i professionisti del cmparto legale, il decreto attuativo è stato emanato l’11 Ottobre 2016, divenendo operativo esattamente ad un anno di distanza dalla pubblicazione.
 
A partire, dunque, dall’11 Ottobre 2017 tutti gli avvocati dovranno, sia operanti come liberi professionisti che in qualità di collaboratori di studi associati, aver stipulato una polizza assicurativa professionale secondo i dettami della nuova normativa.
 
Il decreto attuativo, inoltre, prevede per gli avvocati l’obbligatorietà della stipula di una copertura assicurativa contro gli infortuni occorsi nell’ambito dell’attività professionale.
I professionisti interessai dalla norma sono oltre 300.000 a livello nazionale.
 
Abbiamo creato un vademecum di domande e risposte per aiutarti a meglio comprendere le caratteristiche e gli ambiti della nuova disciplina obbligatoria.
 
Quali sono i soggetti che rientrano nella definizione delle "attività professionali" previste dalla normativa?
Ai fini assicurativi l’"attività professionale" individuata dalla normativa comprende i seguenti ambiti:
- attività di rappresentanza e difesa dinanzi all’autorità giudiziaria o ad arbitri (rituali e irrituali), e gli atti ad essa preordinati, connessi o consequenziali (ad es. l’iscrizione a ruolo della causa o l’esecuzione di notificazioni).
- la consulenza o assistenza stragiudiziali.
- la redazione di pareri o contratti.
- l’assistenza del cliente nello svolgimento delle attività di mediazione o di negoziazione assistita.
 
Cosa deve coprire l’RC professionale per avvocati?
La polizza avvocati deve prevedere la copertura economica di tutti gli eventuali danni causati dal professionista nei confronti di soggetti terzi durante lo svolgimenti dell’attività professionale. Sono da ritenersi esclusi dalla copertura assicurativa dell’avvocato, quali soggetti terzi, i collaboratori e i familiari dell’avvocato. La polizza rc professionale deve prevedere la copertura della responsabilità per qualsiasi tipo di danno causato nel corso dello svolgimento dell’attività professionale. Tali danni possono essere di tipo patrimoniale, indiretto, permanente, temporaneo o futuro. La responsabilità civile del professionista legale può derivare dalla custodia di documenti, denaro, titoli e valori ricevuti in deposito dai clienti o dalle relative controparti.

Quali vantaggi ho nello stipulare una polizza assicurativa per la professione legale?

La polizza avvocati è un tipo particolare di assicurazione che ha come fine la protezione del patrimonio del professionista da possibili rischi professionali legati strettamente allo svolgimento della propria attività. L’assicurazione deve coprire la responsabilità civile dell’avvocato per tutti i danni che questi possa causare, per colpa anche grave, a clienti e a terzi nello svolgimento dell’attività professionale.

Se sono un avvocato associato ad uno studio professionale devo stipulare comunque l’assicurazione?
Sì. La stipula della polizza avvocati è obbligatoria per tutti gli avvocati, sia che essi operino come singoli professionisti sia per i soci o collaboratori di studi associati. Il titolare dello studio è tenuto a rispondere, in sede civile, di danni cagionati da comportamenti colposi o dolosi di collaboratori, praticanti, dipendenti e sostituti processuali.

Cosa succede in caso di responsabilità congiunta con altri soggetti?
Nel caso in cui l’avvocato incorra in un caso di co – responsabilità con altri soggetti, la polizza assicurativa deve permettere la copertura dell’intero danno. È fatto salvo, ovviamente, il diritto dell’assicurato di rivalersi nei confronti dei soggetti congiuntamente responsabili. Tale casistica può presentarsi, ad esempio, nel caso in cui un tecnico di parte esegua una perizia errata.

Quali sono i massimali e i minimali della copertura assicurativa?
Il decreto attuativo della norma prevede, all’articolo 3, una specifica tabella che definisce i massimali della copertura assicurativa minima obbligatoria per gli avvocati. La norma individua sei fasce di rischio definite tenendo conto del volume d’affari e del numero di professionisti che svolgono l’attività professionale.

Nella prima categoria rientrano i professionisti che svolgono la professione individualmente e che nell’ultimo esercizio non abbiamo fatturato più di 30.000 euro. In questo caso, il massimale minimo è pari a 350.000 euro per sinistro e per anno assicurativo. Nell’ultima categoria, il cui massimale è pari a 5.000.000 euro per sinistro, con il limite di 10.000.000 euro per anno assicurativo, sono invece compresi coloro che svolgono attività in modo collettivo, come studio associato o in quanto società di professionisti, in numero pari a 10 professionisti.

È possibile ampliare la copertura assicurativa?
Sì. È valida la possibilità di estendere la copertura della polizza assicurativa avvocati a qualsiasi altra attività che il professionista è abilitato a svolgere.

Cosa significa retroattività e ultrattività della polizza assicurativa?
I termini di retroattività e ultrattività fanno riferimento alle caratteristiche di durata della polizza assicurativa avvocati. La copertura assicurativa obbligatoria per l’avvocato tutela il professionista durante il periodo di attività. Allo stesso tempo, la polizza avvocati funge da garanzia anche per i familiari del legale che possono contare sulla retroattività illimitata della stessa e un’ultrattività almeno decennale per gli avvocati che cessano di esercitare l’attività nel periodo di validità della polizza.

Una volta stipulata la polizza assicurativa quali obblighi ci sono?
Il decreto attuativo prevede un ulteriore strumento di tutela per i clienti dei professionisti legali. L’avvocato, infatti, una volta stipulata la polizza assicurativa, è tenuto a comunicare a tutti i suoi assistiti gli estremi della polizza assicurativa. Tali dati saranno disponibili anche sul sito internet dell’Ordine di appartenenza e del Consiglio Nazionale Forense.

Richiedi la consulenza gratuita e senza impegno dei professionisti Esedra!

I consulenti sono a disposizione per fornirti tutte le informazioni che cerchi e rispondere
ai tuoi dubbi.

Richiedi una quotazione personalizzata.
Scarica l'allegato: Assicurazione Obbligatoria Avvocati DM 238/2016 (157,48 Kb)
Aggiungi al tuo calendario   2017-09-24 2017-09-24 38 Obbligo di assicurazione per gli Avvocati: le novità in vigore dal 11 Ottobre 2017 e le soluzioni di Esedra A partire dall’11 Ottobre 2017 tutti gli avvocati professionisti saranno tenuti a stipulare una polizza assicurativa per la copertura delle responsabilità civile professionale nei confronti dei propri clienti. La normativa di riferimento che disciplina il tema dell’assicurazione per avvocati è regolata dal Decreto del Ministero di Giustizia del 22 Settembre 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 238 dell’11 Ottobre 2016. Tale normativa rientra nel più ampio quadro di riforma identificato come la "Riforma delle Professioni", che impone l’obbligatorietà della copertura assicurativa per i rischi professionali di tutti i professionisti iscritti ad un ordine professionale. La Riforma delle Professioni era già stata introdotta nel corso del 2012 e, negli anni seguenti, sono stati emanati i decreti attuativi specifici inerenti ciascun ambito professionale. Per quanto concerne i professionisti del cmparto legale, il decreto attuativo è stato emanato l’11 Ottobre 2016, divenendo operativo esattamente ad un anno di distanza dalla pubblicazione. A partire, dunque, dall’11 Ottobre 2017 tutti gli avvocati dovranno, sia operanti come liberi professionisti che in qualità di collaboratori di studi associati, aver stipulato una polizza assicurativa professionale secondo i dettami della nuova normativa. Il decreto attuativo, inoltre, prevede per gli avvocati l’obbligatorietà della stipula di una copertura assicurativa contro gli infortuni occorsi nell’ambito dell’attività professionale.I professionisti interessai dalla norma sono oltre 300.000 a livello nazionale. Abbiamo creato un vademecum di domande e risposte per aiutarti a meglio comprendere le caratteristiche e gli ambiti della nuova disciplina obbligatoria. Quali sono i soggetti che rientrano nella definizione delle "attività professionali" previste dalla normativa?Ai fini assicurativi l’"attività professionale" individuata dalla normativa comprende i seguenti ambiti:- attività di rappresentanza e difesa dinanzi all’autorità giudiziaria o ad arbitri (rituali e irrituali), e gli atti ad essa preordinati, connessi o consequenziali (ad es. l’iscrizione a ruolo della causa o l’esecuzione di notificazioni).- la consulenza o assistenza stragiudiziali.- la redazione di pareri o contratti.- l’assistenza del cliente nello svolgimento delle attività di mediazione o di negoziazione assistita. Cosa deve coprire l’RC professionale per avvocati?La polizza avvocati deve prevedere la copertura economica di tutti gli eventuali danni causati dal professionista nei confronti di soggetti terzi durante lo svolgimenti dell’attività professionale. Sono da ritenersi esclusi dalla copertura assicurativa dell’avvocato, quali soggetti terzi, i collaboratori e i familiari dell’avvocato. La polizza rc professionale deve prevedere la copertura della responsabilità per qualsiasi tipo di danno causato nel corso dello svolgimento dell’attività professionale. Tali danni possono essere di tipo patrimoniale, indiretto, permanente, temporaneo o futuro. La responsabilità civile del professionista legale può derivare dalla custodia di documenti, denaro, titoli e valori ricevuti in deposito dai clienti o dalle relative controparti. Quali vantaggi ho nello stipulare una polizza assicurativa per la professione legale? La polizza avvocati è un tipo particolare di assicurazione che ha come fine la protezione del patrimonio del professionista da possibili rischi professionali legati strettamente allo svolgimento della propria attività. L’assicurazione deve coprire la responsabilità civile dell’avvocato per tutti i danni che questi possa causare, per colpa anche grave, a clienti e a terzi nello svolgimento dell’attività professionale.Se sono un avvocato associato ad uno studio professionale devo stipulare comunque l’assicurazione?Sì. La stipula della polizza avvocati è obbligatoria per tutti gli avvocati, sia che essi operino come singoli professionisti sia per i soci o collaboratori di studi associati. Il titolare dello studio è tenuto a rispondere, in sede civile, di danni cagionati da comportamenti colposi o dolosi di collaboratori, praticanti, dipendenti e sostituti processuali. Cosa succede in caso di responsabilità congiunta con altri soggetti?Nel caso in cui l’avvocato incorra in un caso di co – responsabilità con altri soggetti, la polizza assicurativa deve permettere la copertura dell’intero danno. È fatto salvo, ovviamente, il diritto dell’assicurato di rivalersi nei confronti dei soggetti congiuntamente responsabili. Tale casistica può presentarsi, ad esempio, nel caso in cui un tecnico di parte esegua una perizia errata.Quali sono i massimali e i minimali della copertura assicurativa?Il decreto attuativo della norma prevede, all’articolo 3, una specifica tabella che definisce i massimali della copertura assicurativa minima obbligatoria per gli avvocati. La norma individua sei fasce di rischio definite tenendo conto del volume d’affari e del numero di professionisti che svolgono l’attività professionale.Nella prima categoria rientrano i professionisti che svolgono la professione individualmente e che nell’ultimo esercizio non abbiamo fatturato più di 30.000 euro. In questo caso, il massimale minimo è pari a 350.000 euro per sinistro e per anno assicurativo. Nell’ultima categoria, il cui massimale è pari a 5.000.000 euro per sinistro, con il limite di 10.000.000 euro per anno assicurativo, sono invece compresi coloro che svolgono attività in modo collettivo, come studio associato o in quanto società di professionisti, in numero pari a 10 professionisti.È possibile ampliare la copertura assicurativa?Sì. È valida la possibilità di estendere la copertura della polizza assicurativa avvocati a qualsiasi altra attività che il professionista è abilitato a svolgere.Cosa significa retroattività e ultrattività della polizza assicurativa?I termini di retroattività e ultrattività fanno riferimento alle caratteristiche di durata della polizza assicurativa avvocati. La copertura assicurativa obbligatoria per l’avvocato tutela il professionista durante il periodo di attività. Allo stesso tempo, la polizza avvocati funge da garanzia anche per i familiari del legale che possono contare sulla retroattività illimitata della stessa e un’ultrattività almeno decennale per gli avvocati che cessano di esercitare l’attività nel periodo di validità della polizza.Una volta stipulata la polizza assicurativa quali obblighi ci sono?Il decreto attuativo prevede un ulteriore strumento di tutela per i clienti dei professionisti legali. L’avvocato, infatti, una volta stipulata la polizza assicurativa, è tenuto a comunicare a tutti i suoi assistiti gli estremi della polizza assicurativa. Tali dati saranno disponibili anche sul sito internet dell’Ordine di appartenenza e del Consiglio Nazionale Forense.Richiedi la consulenza gratuita e senza impegno dei professionisti Esedra!I consulenti sono a disposizione per fornirti tutte le informazioni che cerchi e rispondere ai tuoi dubbi.Richiedi una quotazione personalizzata. Location of the event Esedra Broker info@vipsrl.com false DD/MM/YYYY

Condividi questa pagina