I 10 principali rischi geopolitci 2021 per le aziende. Il rapporto annuale Lloyd's

mercoledì, 08 settembre 2021
Nel recente report che analizza i maggiori rischi geopolitici emergenti, i Lloyd’s propongono alle aziende una serie di passi da considerare per mitigarli, come valutare l’esposizione della catena di approvvigionamento e prendere precauzioni per salvaguardare la proprietà intellettuale e i segreti commerciali contro le principali minacce informatiche.
 

1. Impatto del Covid-19 sulle relazioni geopolitiche

Il primo rischio che Lloyd’s identifica è l’impatto di Covid-19 sulle relazioni geopolitiche. Quando la pandemia di coronavirus cesserà di essere una crisi di salute pubblica, si sarà già completamente trasformata in una crisi geopolitica, con profonde e durature implicazioni politiche ed economiche che probabilmente cambieranno l’ordine globale come lo conosciamo. La crisi ha causato una recessione globale. In vari gradi, il PIL è crollato in tutte le regioni l’anno scorso. Il FMI stima che la produzione economica globale
si sia ridotta del 3,5% nel 20201 con le economie avanzate che, secondo le proiezioni, impiegheranno il periodo più lungo per recupero, dato che la pandemia ha esacerbato i problemi cronici sottostanti che inibiscono la crescita, ma con perdite ma le perdite dovrebbero essere maggiori tra i paesi a basso reddito. Nel complesso, il virus rimodellerà il panorama geopolitico del prossimo decennio e, con esso, l’ambiente operativo globale per le imprese.

2. Aumento della rivalità di potere

Gli Stati Uniti si stanno allontanando dal loro ruolo di poliziotto globale e mediatore di conflitti. Sullo sfondo, altre grandi potenze come la Russia e la Cina stanno avanzando con più sicurezza i loro interessi strategici interessi strategici. Anche l’UE sta cercando una maggiore autonomia strategica. Il risultato è che le imprese operano in un ambiente internazionale sempre più imprevedibile. Come risultato, possiamo aspettarci sanzioni commerciali, tariffe, interruzione delle catene di approvvigionamento, maggiore regolamentazione e barriere a nuovi investimenti. Possiamo aspettarci di vedere la formazione di alleanze regionali che danno un trattamento preferenziale a coloro
coinvolti. In risposta, le aziende potrebbero aver bisogno di diversificare e localizzare le loro catene di fornitura e ripensare le loro strategie transfrontaliere.

3. Localismo contro globalismo

Mentre la globalizzazione ha iniziato a fermarsi un decennio fa, il Covid-19 probabilmente accelererà la tendenza verso approcci più regionali e nazionali. Il sentimento anti-globale che ha caratterizzato la politica politica occidentale nell’ultimo decennio è ora sfidato da nuove tensioni tra i principali blocchi commerciali che non mostrano segni di diminuzione. Il contraccolpo anti-globalizzazione e l’aumento del protezionismo pongono grandi sfide per le imprese multinazionali e le aziende dipendenti dal commercio, con il Covid-19 esacerbando le trasformazioni sottostanti nel commercio, nella catena di approvvigionamento e nella globalizzazione.
Nei prossimi anni, il sistema commerciale globale si svilupperà probabilmente in un sistema di grandi accordi commerciali regionali accordi commerciali regionali, con una maggiore cooperazione all’interno e potenziali tensioni tra le nazioni.

4. Multinazionali a rischio

Per gran parte dell’inizio del 21° secolo, i rischi geopolitici sono stati relativamente poco presenti nelle nelle discussioni sulla gestione dei rischi per le grandi imprese multinazionali. Questi presupposti hanno cominciato a cambiare con l’arrivo della della Primavera araba e dei movimenti Occupy e poi, marcatamente, con il conflitto sulla Crimea.
Ora c’è una comprensione comune che la strategia geopolitica molto spesso è alla base del
ambiente commerciale competitivo, e che le multinazionali sistematicamente importanti possono essere viste come estensioni dei confini e degli interessi statali all’estero, aumentando la loro esposizione agli eventi geopolitici.
Le principali conseguenze dei rischi geopolitici per le multinazionali includono: l’interruzione della fornitura, perdita di opportunità di vendita, fluttuazioni di prezzo e di valuta, e rischio legale e di reputazione.
Le geostrategie delle multinazionali dopo la pandemia giocheranno un ruolo significativo nel processo di recupero e di ripristino della forza nell’economia globalizzata, rafforzando le relazioni commerciali e perseguendo partnership più sostenibili costruite intorno al miglioramento della salute pubblica e della resilienza digitale.
Le aziende con forti legami con specifiche aziende multinazionali dovrebbero considerare come le loro strategie sarebbero impattate nel caso in cui un partner così importante venisse danneggiato in qualche modo, sia a livello globale che in una particolare regione

5. Terrorismo e conflitto armato

Nonostante l’occasionale affermazione che stiamo attualmente godendo dell’epoca più pacifica della storia, la paura del conflitto e della violenza politica rimane una costante nel mondo moderno.
Le cause dei conflitti geopolitici sono profonde e possono essere endemiche e, quindi, le guerre moderne tendono ad essere tenaci, devolvendo in pantani politici, attirando milizie straniere e portando a spostamenti di massa e ad anni di sconvolgimenti e disordini sociali.
La violenza di stato sostenuta, o la minaccia di guerra, contribuisce all’instabilità e all’insurrezione. In queste situazioni, le strutture di potere vengono erose e le milizie o altri gruppi di insorti offrono una sorta di stabilità a chi non ha più diritti.
Mentre il mondo si muove più rapidamente verso la multipolarità e la crescente competizione tra le maggiori potenze, le guerre per procura e i loro effetti più ampi, comprese le sanzioni di ritorsione, gli attacchi e le azioni diplomatiche azioni diplomatiche, diventeranno più durature e radicate, raffreddandosi per anni prima di intensificarsi
di nuovo rapidamente

6. Cyber, tecnologia e la nuova corsa agli armamenti tecnologici

Le operazioni informatiche sono diventate pienamente integrate nella sicurezza nazionale e nei conflitti regionali nell nell’ultimo decennio. Nel 2010, il worm Stuxnet, ampiamente attribuito a una collaborazione USA-Israele, ha iniziato una nuova era in cui le azioni informatiche sono ora alla base delle rivalità geopolitiche. Nel 2018, tuttavia, la pubblicazione della strategia cibernetica degli Stati Uniti ha dichiarato esplicitamente l’intenzione di “difendere in avanti” contro avversari informatici, preannunciando una transizione dall’era della deterrenza a quella in cui difesa e offesa sono la stessa cosa.
Il cyber è diventato una delle minacce più costose per le imprese, con più di 5 trilioni di dollari in perdite ogni anno, il crimine informatico rappresenta il più grande trasferimento di ricchezza economica della storia. La paura dell’escalation del conflitto informatico è diventata una costante per le imprese e i governi.
Gli effetti geopolitici possono esacerbare questa situazione, fornendo paradisi più sicuri per i criminali o portando a campagne sponsorizzate dallo stato.

7. Malcontento sociale e conflitti locali

I disordini sociali e il malcontento sono destinati ad aumentare nei prossimi anni. I Lloyd’s  prevedono per 75 paesi un aumento dei conflitti entro la fine del 2022. Di questi, più di 30 (prevalentemente in Europa e nelle Americhe) vedranno probabilmente un’attività significativa.
La governance morale, la giustizia sociale e la disuguaglianza, e il cambiamento climatico continueranno a guidare in futuro, mentre il mondo si adegua alle aspettative sociali post-pandemia. Queste proteste su larga scala proteste e rivolte su larga scala hanno il potenziale di causare danni catastrofici alle aziende. Molti imprese perderebbero produttività a causa di gravi danni alle strutture chiave, mentre i danni alle infrastrutture danni alle infrastrutture influenzerebbero le loro operazioni di distribuzione e logistica.
I servizi che utilizzano una varietà di nuove fonti di dati aiuteranno i proprietari dei rischi a comprendere la granularità di queste minacce. Questa potrebbe essere un’area chiave in cui gli assicuratori possono collaborare con queste aziende in futuro.

8. Cambiamento politico

La primavera araba all’inizio del decennio ha creato l’atmosfera per il cambiamento politico per il secondo decennio. Solo dall’inizio della pandemia Covid-19, molti altri regimi in più di 100 paesi hanno visto un uso eccessivo di disposizioni governative di emergenza che violano gli standard internazionali e aumentano ampiamente le pratiche discriminatorie. Le preoccupazioni per la crescita di autocrazia, arretramento democratico e regresso della globalizzazione hanno abbondato negli anni dopo la grande crisi finanziaria. Il voto della Brexit e l’elezione di Trump sono stati solo due eventi importanti in una tendenza globale di diminuzione degli ideali globalisti in regioni del mondo che sono state a lungo i principali beneficiari del sistema.
L’analisi delle implicazioni del cambiamento politico per il business si concentra invariabilmente sulle prospettive delle democrazie occidentali più di tutte le altre. Il cambiamento è una parte fondamentale della tradizione di governo in Europa, Canada, Australia e Stati Uniti. Così, un improvviso cambiamento politico in Cina potrebbe non essere un rischio così significativo per il business come potrebbe essere l’ascesa del populismo radicale nell’UE. Il impatto varierà a seconda dell’azienda e di come è strutturata la sua rete di fornitura.

9. Politica ed economia del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico pone minacce economiche significative in tutto il mondo sotto forma di aumento dei rischi fisici dovuti a condizioni meteorologiche estreme che potrebbero provocare interruzioni di attività e perdite finanziarie, ma che possono anche avere un impatto sistemico causando, per esempio, recessione economica e instabilità dei mercati finanziari.
Il rischio di cambiamento climatico ha una chiara componente geopolitica nella transizione energetica che tutti i principali attori geopolitici si sono impegnati a intraprendere nel rispetto degli obiettivi climatici stabiliti dall’Accordo di Parigi. Nei prossimi anni, molto probabilmente tenderà ad accelerare lungo due principali dimensioni:
i) i cambiamenti normativi diretti alle industrie ad alta intensità di combustibili fossili
ii) gli effetti indiretti che tali cambiamenti avranno una volta tradotti in tendenze di mercato.
La transizione energetica sarà anche caratterizzata dalla concorrenza e dalla mancanza di coordinamento tra grandi blocchi geoeconomici, diventando un altro scenario per la rinnovata rivalità di potere maggiore.

10. Migrazione e demografia

Le migrazioni di massa e gli spostamenti di popolazione sono avvenuti nel corso della storia. Oggi si stima che 281 milioni di persone siano considerate migranti internazionali, tra cui circa 79,5 milioni sono stati spostati con la forza. I moderni eventi migratori sono causati da una miriade di fattori che si sovrappongono, i più importanti dei quali sono: conflitti, instabilità economica e politica e le pressioni ambientali causate dall’accelerazione del cambiamento climatico.
L’attuale numero di migranti internazionali ha già superato alcune stime fatte per livelli nel 2050 ed è destinato a continuare a crescere, dato che le questioni che guidano la migrazione rimangono irrisolte.
Il trend della migrazione globale è solo in crescita, con il numero di sfollati forzati raddoppiato nell’ultimo decennio da 40 a 80 milioni. È probabile che questa tendenza continuerà con le questioni che guidano la migrazione rimarranno presenti e in alcuni casi si intensificheranno. Le implicazioni della migrazione sulle imprese e le loro operazioni sono varie. Questo rischio si associa strettamente agli impatti del cambiamento climatico che si farà sentire nei prossimi decenni quando alcune regioni diventeranno quasi degli
habitat. I Lloyd’s consigliano alle aziende di mappare tali regioni e pensare alle loro strategie a lungo termine dal punto di vista dell’offerta da una prospettiva di fornitura.

Il rapporto dettaglia anche le soluzioni assicurative esistenti disponibili per aiutare le aziende a rimanere resilienti durante i periodi di crisi e incertezza, e identifica le opportunità in cui il settore assicurativo può aiutare a sviluppare nuove soluzioni per affrontare questi rischi.

Fonte: Assinews - Lloyd's of London
Scarica l'allegato: Lloyds - I rischi geopolitici emergenti 2021 (489,04 Kb)
Aggiungi al tuo calendario   2021-09-08 2021-09-08 38 I 10 principali rischi geopolitci 2021 per le aziende. Il rapporto annuale Lloyd's Nel recente report che analizza i maggiori rischi geopolitici emergenti, i Lloyd’s propongono alle aziende una serie di passi da considerare per mitigarli, come valutare l’esposizione della catena di approvvigionamento e prendere precauzioni per salvaguardare la proprietà intellettuale e i segreti commerciali contro le principali minacce informatiche. 1. Impatto del Covid-19 sulle relazioni geopoliticheIl primo rischio che Lloyd’s identifica è l’impatto di Covid-19 sulle relazioni geopolitiche. Quando la pandemia di coronavirus cesserà di essere una crisi di salute pubblica, si sarà già completamente trasformata in una crisi geopolitica, con profonde e durature implicazioni politiche ed economiche che probabilmente cambieranno l’ordine globale come lo conosciamo. La crisi ha causato una recessione globale. In vari gradi, il PIL è crollato in tutte le regioni l’anno scorso. Il FMI stima che la produzione economica globalesi sia ridotta del 3,5% nel 20201 con le economie avanzate che, secondo le proiezioni, impiegheranno il periodo più lungo per recupero, dato che la pandemia ha esacerbato i problemi cronici sottostanti che inibiscono la crescita, ma con perdite ma le perdite dovrebbero essere maggiori tra i paesi a basso reddito. Nel complesso, il virus rimodellerà il panorama geopolitico del prossimo decennio e, con esso, l’ambiente operativo globale per le imprese.2. Aumento della rivalità di potereGli Stati Uniti si stanno allontanando dal loro ruolo di poliziotto globale e mediatore di conflitti. Sullo sfondo, altre grandi potenze come la Russia e la Cina stanno avanzando con più sicurezza i loro interessi strategici interessi strategici. Anche l’UE sta cercando una maggiore autonomia strategica. Il risultato è che le imprese operano in un ambiente internazionale sempre più imprevedibile. Come risultato, possiamo aspettarci sanzioni commerciali, tariffe, interruzione delle catene di approvvigionamento, maggiore regolamentazione e barriere a nuovi investimenti. Possiamo aspettarci di vedere la formazione di alleanze regionali che danno un trattamento preferenziale a colorocoinvolti. In risposta, le aziende potrebbero aver bisogno di diversificare e localizzare le loro catene di fornitura e ripensare le loro strategie transfrontaliere.3. Localismo contro globalismoMentre la globalizzazione ha iniziato a fermarsi un decennio fa, il Covid-19 probabilmente accelererà la tendenza verso approcci più regionali e nazionali. Il sentimento anti-globale che ha caratterizzato la politica politica occidentale nell’ultimo decennio è ora sfidato da nuove tensioni tra i principali blocchi commerciali che non mostrano segni di diminuzione. Il contraccolpo anti-globalizzazione e l’aumento del protezionismo pongono grandi sfide per le imprese multinazionali e le aziende dipendenti dal commercio, con il Covid-19 esacerbando le trasformazioni sottostanti nel commercio, nella catena di approvvigionamento e nella globalizzazione.Nei prossimi anni, il sistema commerciale globale si svilupperà probabilmente in un sistema di grandi accordi commerciali regionali accordi commerciali regionali, con una maggiore cooperazione all’interno e potenziali tensioni tra le nazioni.4. Multinazionali a rischioPer gran parte dell’inizio del 21° secolo, i rischi geopolitici sono stati relativamente poco presenti nelle nelle discussioni sulla gestione dei rischi per le grandi imprese multinazionali. Questi presupposti hanno cominciato a cambiare con l’arrivo della della Primavera araba e dei movimenti Occupy e poi, marcatamente, con il conflitto sulla Crimea.Ora c’è una comprensione comune che la strategia geopolitica molto spesso è alla base delambiente commerciale competitivo, e che le multinazionali sistematicamente importanti possono essere viste come estensioni dei confini e degli interessi statali all’estero, aumentando la loro esposizione agli eventi geopolitici.Le principali conseguenze dei rischi geopolitici per le multinazionali includono: l’interruzione della fornitura, perdita di opportunità di vendita, fluttuazioni di prezzo e di valuta, e rischio legale e di reputazione.Le geostrategie delle multinazionali dopo la pandemia giocheranno un ruolo significativo nel processo di recupero e di ripristino della forza nell’economia globalizzata, rafforzando le relazioni commerciali e perseguendo partnership più sostenibili costruite intorno al miglioramento della salute pubblica e della resilienza digitale.Le aziende con forti legami con specifiche aziende multinazionali dovrebbero considerare come le loro strategie sarebbero impattate nel caso in cui un partner così importante venisse danneggiato in qualche modo, sia a livello globale che in una particolare regione5. Terrorismo e conflitto armatoNonostante l’occasionale affermazione che stiamo attualmente godendo dell’epoca più pacifica della storia, la paura del conflitto e della violenza politica rimane una costante nel mondo moderno.Le cause dei conflitti geopolitici sono profonde e possono essere endemiche e, quindi, le guerre moderne tendono ad essere tenaci, devolvendo in pantani politici, attirando milizie straniere e portando a spostamenti di massa e ad anni di sconvolgimenti e disordini sociali.La violenza di stato sostenuta, o la minaccia di guerra, contribuisce all’instabilità e all’insurrezione. In queste situazioni, le strutture di potere vengono erose e le milizie o altri gruppi di insorti offrono una sorta di stabilità a chi non ha più diritti.Mentre il mondo si muove più rapidamente verso la multipolarità e la crescente competizione tra le maggiori potenze, le guerre per procura e i loro effetti più ampi, comprese le sanzioni di ritorsione, gli attacchi e le azioni diplomatiche azioni diplomatiche, diventeranno più durature e radicate, raffreddandosi per anni prima di intensificarsidi nuovo rapidamente6. Cyber, tecnologia e la nuova corsa agli armamenti tecnologiciLe operazioni informatiche sono diventate pienamente integrate nella sicurezza nazionale e nei conflitti regionali nell nell’ultimo decennio. Nel 2010, il worm Stuxnet, ampiamente attribuito a una collaborazione USA-Israele, ha iniziato una nuova era in cui le azioni informatiche sono ora alla base delle rivalità geopolitiche. Nel 2018, tuttavia, la pubblicazione della strategia cibernetica degli Stati Uniti ha dichiarato esplicitamente l’intenzione di “difendere in avanti” contro avversari informatici, preannunciando una transizione dall’era della deterrenza a quella in cui difesa e offesa sono la stessa cosa.Il cyber è diventato una delle minacce più costose per le imprese, con più di 5 trilioni di dollari in perdite ogni anno, il crimine informatico rappresenta il più grande trasferimento di ricchezza economica della storia. La paura dell’escalation del conflitto informatico è diventata una costante per le imprese e i governi.Gli effetti geopolitici possono esacerbare questa situazione, fornendo paradisi più sicuri per i criminali o portando a campagne sponsorizzate dallo stato.7. Malcontento sociale e conflitti localiI disordini sociali e il malcontento sono destinati ad aumentare nei prossimi anni. I Lloyd’s  prevedono per 75 paesi un aumento dei conflitti entro la fine del 2022. Di questi, più di 30 (prevalentemente in Europa e nelle Americhe) vedranno probabilmente un’attività significativa.La governance morale, la giustizia sociale e la disuguaglianza, e il cambiamento climatico continueranno a guidare in futuro, mentre il mondo si adegua alle aspettative sociali post-pandemia. Queste proteste su larga scala proteste e rivolte su larga scala hanno il potenziale di causare danni catastrofici alle aziende. Molti imprese perderebbero produttività a causa di gravi danni alle strutture chiave, mentre i danni alle infrastrutture danni alle infrastrutture influenzerebbero le loro operazioni di distribuzione e logistica.I servizi che utilizzano una varietà di nuove fonti di dati aiuteranno i proprietari dei rischi a comprendere la granularità di queste minacce. Questa potrebbe essere un’area chiave in cui gli assicuratori possono collaborare con queste aziende in futuro.8. Cambiamento politicoLa primavera araba all’inizio del decennio ha creato l’atmosfera per il cambiamento politico per il secondo decennio. Solo dall’inizio della pandemia Covid-19, molti altri regimi in più di 100 paesi hanno visto un uso eccessivo di disposizioni governative di emergenza che violano gli standard internazionali e aumentano ampiamente le pratiche discriminatorie. Le preoccupazioni per la crescita di autocrazia, arretramento democratico e regresso della globalizzazione hanno abbondato negli anni dopo la grande crisi finanziaria. Il voto della Brexit e l’elezione di Trump sono stati solo due eventi importanti in una tendenza globale di diminuzione degli ideali globalisti in regioni del mondo che sono state a lungo i principali beneficiari del sistema.L’analisi delle implicazioni del cambiamento politico per il business si concentra invariabilmente sulle prospettive delle democrazie occidentali più di tutte le altre. Il cambiamento è una parte fondamentale della tradizione di governo in Europa, Canada, Australia e Stati Uniti. Così, un improvviso cambiamento politico in Cina potrebbe non essere un rischio così significativo per il business come potrebbe essere l’ascesa del populismo radicale nell’UE. Il impatto varierà a seconda dell’azienda e di come è strutturata la sua rete di fornitura.9. Politica ed economia del cambiamento climaticoIl cambiamento climatico pone minacce economiche significative in tutto il mondo sotto forma di aumento dei rischi fisici dovuti a condizioni meteorologiche estreme che potrebbero provocare interruzioni di attività e perdite finanziarie, ma che possono anche avere un impatto sistemico causando, per esempio, recessione economica e instabilità dei mercati finanziari.Il rischio di cambiamento climatico ha una chiara componente geopolitica nella transizione energetica che tutti i principali attori geopolitici si sono impegnati a intraprendere nel rispetto degli obiettivi climatici stabiliti dall’Accordo di Parigi. Nei prossimi anni, molto probabilmente tenderà ad accelerare lungo due principali dimensioni:i) i cambiamenti normativi diretti alle industrie ad alta intensità di combustibili fossiliii) gli effetti indiretti che tali cambiamenti avranno una volta tradotti in tendenze di mercato.La transizione energetica sarà anche caratterizzata dalla concorrenza e dalla mancanza di coordinamento tra grandi blocchi geoeconomici, diventando un altro scenario per la rinnovata rivalità di potere maggiore.10. Migrazione e demografiaLe migrazioni di massa e gli spostamenti di popolazione sono avvenuti nel corso della storia. Oggi si stima che 281 milioni di persone siano considerate migranti internazionali, tra cui circa 79,5 milioni sono stati spostati con la forza. I moderni eventi migratori sono causati da una miriade di fattori che si sovrappongono, i più importanti dei quali sono: conflitti, instabilità economica e politica e le pressioni ambientali causate dall’accelerazione del cambiamento climatico.L’attuale numero di migranti internazionali ha già superato alcune stime fatte per livelli nel 2050 ed è destinato a continuare a crescere, dato che le questioni che guidano la migrazione rimangono irrisolte.Il trend della migrazione globale è solo in crescita, con il numero di sfollati forzati raddoppiato nell’ultimo decennio da 40 a 80 milioni. È probabile che questa tendenza continuerà con le questioni che guidano la migrazione rimarranno presenti e in alcuni casi si intensificheranno. Le implicazioni della migrazione sulle imprese e le loro operazioni sono varie. Questo rischio si associa strettamente agli impatti del cambiamento climatico che si farà sentire nei prossimi decenni quando alcune regioni diventeranno quasi deglihabitat. I Lloyd’s consigliano alle aziende di mappare tali regioni e pensare alle loro strategie a lungo termine dal punto di vista dell’offerta da una prospettiva di fornitura.Il rapporto dettaglia anche le soluzioni assicurative esistenti disponibili per aiutare le aziende a rimanere resilienti durante i periodi di crisi e incertezza, e identifica le opportunità in cui il settore assicurativo può aiutare a sviluppare nuove soluzioni per affrontare questi rischi.Fonte: Assinews - Lloyd's of London Location of the event Esedra Broker info@vipsrl.com false DD/MM/YYYY

Condividi questa pagina
Questo sito può trattare i dati personali dell’utente attraverso l’utilizzo dei cosiddetti cookies che potrebbero consentire l’identificazione dell’utente o del terminale. Il sito utilizza inoltre cookies statistici completi e/o di profilazione per inviare all’utente pubblicità̀ e servizi in linea con le sue preferenze Per saperne di più̀ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies è possibile cliccare qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies o di strumenti analoghi eventualmente descritti nel documento informativo.